Dimostrazione dell'Ultimo teorema di Fermat (con matematica del XVII sec. )

Forum di discussione su notizie e argomenti attuali particolarmente caldi, che non trovano una collocazione precisa nelle altre categorie dell'indice.
Rispondi al messaggio

ATTENZIONE : Rispondi al messaggio solo per rispondere a questo stesso topic (quesito di argomento). Se devi postare un nuovo quesito apri sempre un nuovo topic e utilizza sempre Equation Editor per scrivere correttamente le formule matematiche. Grazie!

  • CONDIVIDI QUESTA DISCUSSIONE
    CONDIVIDI QUESTA DISCUSSIONE
  • Ti piace questa discussione?... Condividila!! :-) ...

    Aiutaci ad aumentare la popolarità di www.easymath.it condividendo questa pagina sul tuo social-network preferito!

Dimostrazione dell'Ultimo teorema di Fermat (con matematica del XVII sec. )

Messaggioda ernesto » 10/09/2012, 10:46

Ho elaborato una dimostrazione dell'Ultimo teorema di Fermat, ora detto teorema di Fermat Wiles, che rispecchia le caratteristiche della dimostrazione che Fermat asseriva di avere e mai rivelata. Detta dimostrazione può essere trovata su YouTube o sul presente Sito all'indirizzo:

http://www.easymath.it/vdoc_ultimo_teorema_di_fermat.html

l'ho elaborata basandomi su:
1) L'equazione di Fermat ha natura pitagorica, nasce come applicazione del Teorema di Pitagora
2) Nell'ambito dei numeri interi solo le potenze ad esponente pari rappresentano l'area di un quadrato (es: se la misura del lato è 8 =2^3
l'area del quadrato vale 64 = 2^6 )
3) Due particolari proprietà delle Terne Pitagoriche

Desidero avere un scambio di opinioni circa la sua validità.

Cordiali saluti
Ernesto
ernesto
Nuovo Utente
Nuovo Utente
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 09/09/2012, 10:06

Re: Dimostrazione dell'Ultimo teorema di Fermat (con matematica del XVII sec. )

Messaggioda gnna92 » 15/09/2012, 1:09

Ciao io penso che Fermat abbia più semplicemente pensato così:
chiamando x,y,z la terna: x^n+y^n=z^n quindi vuol dire che (x^n+y^n)/z^n=1. Nel caso n sia uguale a 2 possiamo esplicitare l'equazione scrivendo
(x*x+y*y)/(z*z)=1 fatto ciò moltiplichiamo per un numero frazionario in modo da ottenere nuovamente al numeratore un componente della terna e al denominatore gli altri due componenti, in questo caso moltiplichiamo per (z/(x*y)) quindi il risultato ottenuto è x/(z*y)+y/(z*x)=z/(x*y). Provando con esponenti maggiori di 2 si nota che la simiglianza delle frazioni non si mantiene, ossia le prime due hanno la stessa "struttura" mentre in quella alla destra tutti i componenti hanno esponente (n-1) (per esempio con n=3 : x/(z*y^2)+y/(z*x^2)=z^2/(x^2*y^2) se invece riuscivamo ad ottenere z/(x*y^2) o z/(x^2*y) esisteva un numero intero z tale da soddisfare la terna anche con n=3), ciò comporta l'impossibilità di avere un numero intero per z.
gnna92
Nuovo Utente
Nuovo Utente
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 15/06/2012, 14:03

Re: Dimostrazione dell'Ultimo teorema di Fermat (con matematica del XVII sec. )

Messaggioda ernesto » 15/09/2012, 7:14

Mi dispiace dirtelo, ma la tua non è una dimostrazione. Stai "pestando acqua nel mortaio !!!" non fai altro che riscrivere in altra forma l'equazione di Fermat ,infatti se moltiplichi ogni termine dell'equazioni, che tu ottieni col tuo metodo , per il m.c.m. dei denominatori
riottieni l'equazione di partenza!! dove sta la dimostrazione???
Ciao
ernesto
Nuovo Utente
Nuovo Utente
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 09/09/2012, 10:06


Rispondi al messaggio

ATTENZIONE : Rispondi al messaggio solo per rispondere a questo stesso topic (quesito di argomento). Se devi postare un nuovo quesito apri sempre un nuovo topic e utilizza sempre Equation Editor per scrivere correttamente le formule matematiche. Grazie!

Torna a Notizie e Argomenti Caldi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite